WWE Hall of Fame 2019: 5 Superstar che dovrebbero essere inserite nella 'Legacy Wing'

>

La WWE Hall of Fame è stata istituita nel 1993, originariamente come un modo per onorare il recentemente scomparso Andre 'The Giant'.

Non c'è stata alcuna cerimonia, solo un pacchetto video per commemorare la figura leggendaria. Una cerimonia ha avuto luogo l'anno successivo e nel 1995 e nel 1996 prima che la Hall of Fame venisse demolita a favore degli 'Slammy Awards', la parodia ironica della WWE degli Oscar.

Per celebrare il ventesimo anniversario di Wrestlemania, la WWE ha riesumato la Hall of Fame dal mucchio di rottami e ha fatto uno sforzo erculeo per indurre una serie di degni indotti, come Harley Race, Bobby Heenan, Sergeant Slaughter e Greg Valentine.





Nel 2016, la WWE ha tranquillamente aggiunto il 'Legacy Award' alla sua classe Hall of Fame della WWE. Questo era un modo per onorare le star decedute da tempo che avevano giocato un ruolo importante nei primi anni del wrestling professionistico. Tra i candidati inaugurali c'erano Lou Thesz, una delle più grandi star degli anni '40 e '50, Pat O'Connor, che fu il primo campione del mondo AWA nel 1960, Ed 'Strangler' Lewis, che dirigeva Thesz ed era lui stesso una grande star negli anni '20 e '30, e Frank Gotch e George Hackenschmidt, due pionieri dell'inizio del XX secolo.

Questo è stato un modo meraviglioso per riconoscere la lunga storia del wrestling professionale indipendentemente dalla compagnia, senza passare il tempo durante la cerimonia principale che sancisce le stelle con cui la maggior parte dei fan della WWE non avrebbe familiarità.



Nel 2017 e nel 2018, la WWE ha introdotto star leggermente più contemporanee come parte della ribattezzata 'Legacy Wing', tra cui l'ex campione del WWWF, Stan Stasiak, Rikidōzan, El Santo e Lord Alfred Hayes.

Ciò apparentemente aprirebbe la porta a più star decedute delle ere più recenti del pro-wrestling da inserire accanto ai pionieri della prima parte del 20 ° secolo.

Questa presentazione esamina cinque nomi che dovrebbero essere riconosciuti nella Legacy Wing 2019.




#5. Babà gigante

Vince McMahon e Giant Baba all

Vince McMahon e Giant Baba all'inizio degli anni '80

Il padrino di All Japan Pro Wrestling, Giant Baba è uno dei volti più noti nella storia del wrestling giapponese.

Ha co-fondato la promozione nel 1972 e ha servito come booker, promotore, presidente e allenatore dal suo inizio fino alla sua morte nel gennaio 1999 all'età di 61 anni per cancro. Tutto il Giappone ha fornito una competizione legittima per la consolidata New Japan Pro Wrestling e per un periodo di tempo è stata la principale promozione di wrestling in Giappone.

Prima del 1972, Baba era già una leggenda per la sua carriera sul ring che lo ha visto vincere l'NWA World Heavyweight Championship in tre occasioni tra il 1974 e il 1980.

Alto poco meno di sette piedi, Baba era un'attrazione ovunque combattesse in tutto il mondo. Baba è rinomato come il 'gigante amico'; uno dei bravi ragazzi del wrestling ed è più che meritevole dell'onore della Hall of Fame.

In verità, è alquanto sorprendente che non sia già successo. Probabilmente lo farà nel 2019.

quindici PROSSIMO