Come combattere un senso esagerato di diritto

Ognuno ha un senso interiore di diritto. Tutti rivendichiamo determinati diritti per noi stessi e crediamo che questi diritti siano più o meno un nostro diritto di nascita.

Per esempio:

  • Il diritto alla protezione da parte delle forze dell'ordine
  • Il diritto a un giusto processo
  • Il diritto alle nostre opinioni
  • Il diritto a un governo non tirannico
  • Il diritto a una busta paga per il lavoro completato
  • Il diritto alle nostre convinzioni
  • Il diritto all'aria pulita e all'acqua pulita





Anche se questi non erano disponibili nelle generazioni precedenti. Anche se oggi non sono disponibili ovunque nel mondo, LI VEDIAMO come diritti di nascita di base.

Ma sono davvero questi diritti di nascita? Dovremmo avere diritto a queste cose? O ci siamo talmente abituati da non vederli più come benefici che non sono in alcun modo garantiti?



Bene, suppongo che la risposta a questa domanda dipenda da chi chiedi. Quindi dedichiamoci alcuni minuti ed esploriamo questo concetto di diritto. Quindi esamineremo alcuni modi in cui possiamo combattere il senso di diritto questo sfugge di mano, sia che lo stiamo combattendo negli altri o in noi stessi.

Legittimità del diritto

Esiste un aspetto legittimo del diritto. La prima definizione nel dizionario Merriam-Webster è: il fatto di avere diritto a qualcosa.

Questa idea di un diritto fondamentale a qualcosa è stata espressa nel 1776 in America Dichiarazione di indipendenza. Qui, i diritti fondamentali non erano visti come ricompense per i risultati qualificanti, ma come diritti di nascita concessi dal nostro Creatore. Che ogni persona è dotata di determinati diritti inalienabili (ciò che non può essere trasferito, tolto o negato). Cioè, ENTITLEMENTS. Qualcosa a cui abbiamo diritto in virtù della nostra nascita. Non ci sono altri requisiti.



perché mia moglie mi incolpa di tutto?

Sia che tu creda che un Creatore conceda questi diritti o che qualche altra autorità conceda questi diritti, questi diritti sono comunque garantiti. Questi diritti sono INALIENABILI. Non possono essere NEGATI A nessuno, TRASFERITI A nessuno o PRELATI A nessuno.

I fondatori americani hanno specificato che questi diritti includevano il diritto alla vita, il diritto alla libertà e il diritto alla ricerca della felicità. La garanzia è che questi aspetti della vita possono essere perseguiti liberamente. Che questi obiettivi siano ugualmente accessibili e ugualmente disponibili per TUTTI.

Ovviamente non vi è alcuna garanzia dei risultati. I risultati possono variare. Così come tutti possono avere diritto a sostenere lo stesso esame, non tutti riceveranno lo stesso voto. Proprio come tutti possono fare un'audizione per un ruolo di canto nello spettacolo, non tutti avranno la parte perché non tutti cantano con la stessa abilità.

Quindi, qual è il diritto in senso legittimo? È il riconoscimento che ci sono diritti fondamentali che tutti abbiamo in virtù della nascita di un essere umano. Questi diritti sono concessi dal nostro Creatore. Oppure sono concessi da un governo. Diventa quindi responsabilità del governo preservare i diritti concessi dal nostro Creatore o concedere e preservare i diritti concessi dall'IT.

Ora, ci sarà un dibattito senza fine su quali diritti aggiuntivi dovremmo avere e un dibattito senza fine su quali diritti aggiuntivi siano eccessivi. Il che ci porta al secondo punto che vorrei affrontare. Cioè, quando i diritti correre fuori di testa . Quando c'è un esagerato senso di diritto.

I diritti hanno il loro giusto posto. Ci sono diritti che tutti dovremmo avere che non ci siamo guadagnati, né è necessario guadagnarli. Ma negli ultimi tempi è emerso un lato brutto. In questo caso, si ha la sensazione che si abbia diritto a più di quelli a cui si ha diritto.

Inizieremo con alcune domande.

  • Tutti gli esseri umani hanno diritto alla vita. Ma tutti gli esseri umani hanno diritto a: a alta qualità della vita?
  • Tutti gli esseri umani hanno diritto al cibo. Ma tutti gli esseri umani hanno il diritto di farlo Cibo gourmet?
  • Tutti gli esseri umani hanno il diritto di lavorare. Ma tutti gli esseri umani hanno diritto a: a svolgere un lavoro ben retribuito con benefici?
  • Tutti gli esseri umani hanno il diritto di perseguire la felicità. Ma tutti gli esseri umani hanno il diritto alla felicità?

come consolare chi sta piangendo

Entitlement Run Amok

Abbiamo bisogno di un'altra definizione di diritto che comprenda i casi in cui si è spinti troppo oltre.

Eccone uno:

La sensazione che meriti di ricevere qualcosa che non ti sei guadagnato. La sensazione di avere diritto a privilegi speciali oltre ai diritti universali fondamentali.

Allora su cosa possiamo essere d'accordo? Possiamo convenire che:

  • Tutti gli esseri umani hanno alcuni diritti fondamentali in virtù della nascita.
  • I diritti legittimi rientrano da qualche parte tra nessun diritto e troppi diritti.
  • Un senso esagerato di diritto è un atteggiamento disfunzionale che deve essere corretto.

Anche se non tutti saranno d'accordo su ciò che costituisce un esagerato senso di diritto, tutti dovrebbero essere d'accordo sul fatto che tale punto ESISTE. Non tutti sono d'accordo su quanto sonno sia troppo, ma tutti concordano sul fatto che esiste una quantità di sonno che è troppo. Non tutti sono d'accordo sul punto in cui il lavoro è eccessivo, ma tutti concordano che esiste un punto in cui il lavoro è eccessivo.

Non raggiungeremo mai un accordo universale su quale punto il senso di diritto diventi esagerato. Ma possiamo essere tutti d'accordo un tale punto esiste. E con questo accordo, possiamo esaminare alcuni modi per combattere un senso esagerato di diritto, ovunque ci capiti di tracciare il limite.

Potrebbe piacerti anche (l'articolo continua di seguito):

segni di chimica tra uomo e donna

Combattere i diritti esagerati negli altri

Dovremmo incontrare qualcuno che mostra un senso di diritto al di là di ciò che è generalmente considerato normale, cosa dovremmo fare? Come dovremmo affrontarli?

1. Pratica la franchezza

Se vogliamo combattere questo tratto in qualcun altro, avremo bisogno di praticare CANDOR. Dobbiamo essere onesti e dire loro che il loro diritto è inappropriato e dannoso. Questo può essere fatto con rispetto, dignità e sensibilità, ma dovrebbe essere fatto e dovrebbe essere fatto onestamente.

Un senso esagerato di diritto deriva da confini impropri. A una persona autorizzata deve essere dimostrato che i suoi confini sono fuori portata e devono essere adattati di conseguenza. Fino a quando qualcuno non è onesto con loro, il cambiamento è improbabile. Puoi essere tu a dirglielo.

2. Pratica il realismo

Un senso esagerato di diritto è almeno in parte guidato da aspettative irrealistiche, la sensazione che a qualcuno sia dovuto più di ciò che è realistico o giusto.

È irragionevole e irrealistico presumere che dovrei servire qualcuno senza alcun senso da parte sua nel restituire il favore o nel portare la sua parte di carico.

Potremmo dover far notare alla persona nella nostra vita che sembra sentirsi autorizzata che ciò che si aspetta non è realistico. Aspettarsi ciò che è irrealistico li preparerà a delusione, frustrazione e disillusione. Deve finire.

3. Pratica l'assertività

Se stiamo tentando di trattare con una persona che si sente in diritto, a un certo punto ne avremo bisogno essere assertivo . Una persona con un senso esagerato di diritto è spesso esigente. Dovrai essere assertivo nel chiamarli fuori quando si aspettano troppo.

Le persone autorizzate hanno molti degli stessi modelli di comportamento dei bulli. Un bullo deve essere affrontato e sfidato, altrimenti il ​​bullismo continuerà. Metti in pratica l'assertività e chiedi alla persona autorizzata di renderne conto. Devono vedere che i loro confini si estendono troppo nel territorio degli altri. Dovranno modificare i propri confini. L'assertività lo promuoverà.

Combattere i diritti esagerati in noi stessi

E il NOSTRO ESPRESSO senso di diritto? Come combattiamo la nostra tendenza a sentirci in diritto?

1. Pratica la gratitudine

Uno dei modi più sicuri per combattere un senso esagerato di auto-legittimazione è praticare gratitudine. Potremmo non avere tutto ciò che vogliamo, ma possiamo imparare a volere ciò che abbiamo. Possiamo imparare a farlo essere grato per quello che ci è stato dato.

Avere abbondanza non garantisce più gratitudine che avere a scarsità garantisce l'ingratitudine. Possiamo coltivare un atteggiamento di gratitudine anche per quelle che possono sembrare piccole cose nella vita. Un letto comodo, un bicchiere di acqua pulita, amici premurosi, cibo sano e abbondante, una tazza di caffè, un lavoro, una buona salute.

2. Pratica l'umiltà

Un altro modo per combattere il senso di auto-legittimazione è esercitarsi umiltà. Non falsa umiltà, ma vera e propria umiltà. Capire che una vita felice e significativa è un dono, anche se abbiamo lavorato duramente per questo.

Dopotutto, non tutti sono nati in un paese e in un momento in cui le opportunità abbondano. Alcuni non sperimentano mai nemmeno una vita moderatamente benedetta, mentre la maggior parte di noi è stata benedetta oltre misura.

Quindi dovremmo Sii umile e accetta la nostra benedizione con umiltà - riconoscere e riconoscere che non tutti sono benedetti come noi. E allo stesso modo riconoscendo che non abbiamo più diritto a tale benedizione di chiunque altro.

3. Esercitati nella contentezza

Un terzo modo per combattere l'auto-legittimazione è la pratica contentezza.

La contentezza non nega che vorremmo di più. La contentezza è un atteggiamento di soddisfazione per ciò che ci è stato dato. Ci sarà sempre di più che potremmo avere. Ci può essere sempre meno di quello che abbiamo.

La contentezza è una ferma convinzione che quello che abbiamo è BASTA, anche se di più sarebbe il benvenuto. Dobbiamo anche riconoscere che la contentezza può implicare il non avere ciò che renderebbe la nostra vita più difficile. Anche se non abbiamo tutte le cose vogliamo, possiamo essere grati per le cose che non abbiamo che abbiamo non voglio.

Un'ultima parola

Se si crede in un Creatore che ci dota di certi diritti inalienabili - allora dobbiamo accettare che quello stesso Creatore può negarci i diritti - ed essere pienamente giustificati nel farlo. In tal caso, TUTTO quello che abbiamo è un dono e non ci sono diritti. Solo ciò che il Creatore ritiene diritti sono diritti.

Lo stesso vale per un governo. Possiamo discutere tutto il giorno su ciò che un governo DEVE ai suoi cittadini. Anche se la maggior parte sarebbe d'accordo sul fatto che tutti i governi debbano ai propri cittadini il diritto alla vita stessa. Che tutti i governi devono ai propri cittadini il diritto alla protezione da coloro che vorrebbero togliere loro i diritti. Che tutti i governi debbano ai propri cittadini l'opportunità senza ostacoli di perseguire la felicità personale, a condizione che non impedisca lo stesso perseguimento da parte di altri cittadini.

avere una relazione con un uomo sposato

Al di là di questi diritti, c'è poca speranza di un accordo universale. Il meglio che possiamo essere in grado di ottenere è:

  • Accordo universale sul fatto che esistono diritti fondamentali di cui godono tutti gli esseri umani.
  • Che questi diritti fondamentali dovrebbero essere garantiti e preservati dai governi.
  • Ciò al di là dei diritti fondamentali è un impegno per l'uguaglianza di opportunità.
  • Che ci saranno sempre quelli che ottengono più o meno di altri a cui è stata data la stessa opportunità.
  • Tale diritto può estendersi oltre ciò che è ragionevole e realistico.
  • Che possiamo e dobbiamo combattere un senso esagerato di diritto negli altri.
  • Che possiamo e dobbiamo combattere un senso esagerato di diritto in noi stessi.